Come Creare Un Avatar Manga Con Mangatar

creare-avatar-manga

Se hai la passione per i manga, ti suggerisco di dare un’occhiata a questo post, visto che oggi segnaliamo un interessante servizio online che ti consentirà di creare un avatar in stile manga in pochi semplici passi: il nome di questa risorsa è Mangatar.

Una volta collegati alla homepage di Mangatar, dovrete scegliere se desiderate creare un avatar maschile o uno femminile.

Potrete poi divertirvi a personalizzare il vostro avatar e inserire una serie di elementi distintivi come: gli abiti, i capelli, il volto, le sopracciglia, gli occhi, l’iride, il naso, la bocca, le orecchie, i segni, le rughe, i baffi, la barba, cicatrici e, dulcis in fundo, l’espressione dell’umore.

Per ogni parte sono disponibili una tutta una serie di modelli, variabili tra 30 e 10, che potrete vedere in anteprima di volta in volta.

Fatte le varie operazioni, sarà possibile salvare la vostra creazione e scaricarla in diversi formati/dimensioni: se preferite la leggerezza, potrete perciò eseguirne il download come semplice icona; se volete più qualità potrete scegliere di scaricarne un’immagine; non mancano poi i favicon e i ritagli da usare come immagini personali nei più rinomati social network.

Infine è possibile utilizzare il vostro “manga-avatar” anche come copertina su Facebook.

Oltre alla funzione evasiva, Mangatar può essere considerato anche un’ottima risorsa didattica per i bambini in età pre-scolare, dato che troverete già realizzati degli avatar in bianco e nero che potrete stampare e far colorare ai bambini.

Cliccando su “Classifiche”, scoprirete quali sono gli avatar più apprezzati del momento, quelli più originali, quelli più scaricati e quelli più commentati: quello di Fernando Alonso, quello di Cristiano Ronaldo e quello di Pollon Combina Guai meritano, almeno a mio giudizio, una menzione speciale.

Merita attenzione il fatto che Mangatar sia un progetto “made in Italy”, sviluppato da Raffaele Gaito.

Il servizio web ideale per gli amanti dei manga. Provatelo e diteci la vostra.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *